LA MAGLIA

La casacca utilizzata dagli atleti biancocelesti nei primi mesi del 1912 si alleggerisce nella composizione tecnica del tessu­to (simil cotone). Il colore utilizzato per rappresentare il club nel massimo campionato è a metà tra il celeste e l’azzurro. In quel periodo molte squadre in Italia arricchivano le proprie casacche con un laccio che rendeva regolabile la chiusura dello scollo. Il laccio in cuoio o in cotone intrecciandosi, lasciava libero l’atleta di chiudere anche parzialmente l’apertura del colletto. Il periodico romano “L’Italia Sportiva” oltre a narrare tra le sue righe la cronaca dell’incontro Roman-Lazio (0-1) disputatosi a Roma il 7 gennaio 1912, presso il campo dei Due Pini, descriveva una simpatica curiosità: “La squadra della Lazio inaugurava il nuovo costume sociale, serio, elegantissimo, abbandonando le vecchie casacche a quadri bianco-celesti con una maglia celeste carico e cambiando il colore dei calzoncini neri con quelli di color bianco”.

1912/13, la Lazio conquista la sua prima finale nazionale

La stagione

La “Federazione Italiana Giuoco Calcio” vara il primo campionato nazionale costituito da tre gironi per l’Italia settentrionale e tre per l’Italia centro-meridionale. A raggiungere la finalissima, dopo aver sbaragliato tutti i suoi avversari, è la Lazio regina incontrastata di Roma e del Centro-Sud. Incontra, nella finalissima nazionale, il Pro Vercelli che domina l’incontro, imponendosi per 6-0 sulla Lazio e conquistando il titolo. Il calcio del Nord è ancora troppo superiore. In questa stagione i biancocelesti si aggiudicano la Coppa Branca (febbraio 1913).

 

La Rosa

Portieri: Forlivesi, Gaslini, G. Levi (I), Rossi. Difensori: Branca, Donati, M. Levi (II), Maranghi, Rizzolini, A. Zoppi (II). Centrocampisti: Alessandri (I), Alessandri (II), Baldacci (I), G. Cattaneo, V. Di Napoli (I), Donati, Faccani, Laviosa, Lucchini, A. Zucchi (II). Attaccanti: Ancherani, Bona, Bonaga, Consiglio, Coraggio, C. Corelli (I), Della Longa, Fioranti (I), Folpini, Grasselli, Lucchetti, Perugini, Raffo, F. Saraceni (I), Zoppi (I). Ruolo sconosciuto: Abbozzo, Maggi, Palmieri, Radicchi. Allenatore: Baccani.

error: Content is protected !!