La Maglia

La Fiorentina scende in campo per la finale unica giocata a Firenze con la seconda maglia di colore giallo per dovere di ospitalità come prevedeva la normativa di quel periodo, ricambiando quanto fatto dalla Lazio nell’edizione del 1958. I biancocelesti malgrado la temperatura non certo invernale (11 giugno) indossano una divisa a maniche lunghe, dal colore celeste tendente all’azzurro, con un vistoso colletto alla marinara di colore bianco. I numeri si presentano bianchi in materiale feltro cuciti sulle casacche.

Questa volta, non si riesce a ripetere la vittoria in finale di Coppa Italia del 1958, sempre contro i viola

La Finale

La Lazio torna ad affrontare la Fiorentina sempre in finale unica di Coppa Italia. La gara disputata all’Olimpico nel 1958 vide il successo dei biancocelesti, contro le indicazioni del pronostico. Questa volta, a campi invertiti, il successo spetta ai viola che passano subito in vantaggio con un gol di Petris dopo 5′ di gioco. I viola creano diversi pericoli per la porta difesa da Cei, che viene messo sovente in difficoltà. La Fiorentina risponde facilmente alle sporadiche controffensive dei biancocelesti, scarsamente poco incisivi ed incapaci di portare quelle ficcanti azioni che avrebbero potuto mettere alla frusta uomini come Robotti e Castelletti. Nella ripresa Milan, sfuggito al controllo della difesa laziale, raddoppia e consegna alla Fiorentina l’ambito trofeo.

Firenze, 11 giugno 1961. Finale Coppa Italia, stadio Comunale. Fiorentina-Lazio 2-0.

Fiorentina: Albertosi, Robotti, Castelletti, Gonfiantini, Orzan, Marchesi, Hamrin, Micheli, Da Costa, Milan, Petris. Allenatore: Hidegkuti.

Lazio: Cei, Molino, Eufemi, Carradori, Janich, Carosi, Mariani, Franzini, Rozzoni, Prini, Mattei. Allenatore: Flamini. D.T. Carver.

Arbitro: Rigato (Mestre)

Marcatori: 4′ Petris, 80′ Milan

error: Content is protected !!