La Maglia

La terza maglia per il campionato è quella utilizzata nella finale di ritorno di Coppa Italia disputata a Torino. Viene ideata grazie ai preziosi suggerimenti del tecnico Roberto Mancini, che preferiva avere in dotazione alla squadra anche una maglia dallo stile aggressivo. Durante la conferenza stampa della finale di ritorno, Mancini rispondendo ad una domanda fatta sulla maglia utilizzata affermava: “Con una maglia di questo colore saremo più cattivi ed aggressivi”. Come dargli torto, la Lazio con quella divisa vince una straordinaria edizione della Coppa Italia. Anche per questa finale, la maglia si fregia di un ricamo commemorativo. In alto a destra, in posizione simmetrica rispetto al logo della Lazio, sono ricamate le bandierine delle due finaliste, oltre alla data e lo stadio dell’evento.

La maglia della finale di ritorno a Torino, indossata da Giannichedda

Nella finale di andata la Lazio è scesa in campo con la seconda maglia

La Finale

Doppia finale di Coppa Italia con la Juventus di Del Piero, Trezeguet, ma soprattutto di Nedved (neo Pallone d’oro) da una parte. La Lazio di Corradi, Muzzi, ma soprattutto Stefano Fiore, eroe del match, dall’altra. Il centrocampista calabrese segna due reti all’andata ed una al ritorno, stendendo la Juventus e regalando la vittoria della Coppa Italia alla squadra di Mancini. La prestazione nella partita d’andata è veramente sontuosa: Stefano Fiore decide il match con due gol straordinari, il primo d’esterno al volo e il secondo in semi sforbiciata. Nella gara di ritorno la Juventus, grazie alle reti di Trezeguet e Del Piero, riesce a raddrizzare fino al 69’ il risultato subito all’andata. Poi un’incornata vincente di Corradi rimette in carreggiata la Lazio e Fiore sigla il 2-2 definitivo che regala la quarta Coppa Italia ai biancocelesti. Il trofeo va alla formazione più meritevole e più forte.

Roma,17 marzo 2004. Finale gara d’andata, Stadio Olimpico di Roma. Lazio-Juventus 2-0

Lazio: Sereni, Oddo, Stam, Couto, Favalli, Fiore, Giannichedda, Liverani (81’ Dabo), Cesar (89’ Zauri), Corradi, Muzzi (46’ S. Inzaghi). A disposizione: Peruzzi, Colonnese, Mihajlovic, Albertini. Allenatore: Mancini.

Juventus: Chimenti, Thuram, Tudor, Legrottaglie, Pessotto, Camoranesi (84’ Bartolucci), Tacchinardi, Conte (74’ Maresca), Appiah, Nedved, Di Vaio (76’Palladino). A disposizione: Buffon, Boudianski, Urbano, Chiumiento. Allenatore: Lippi.

Arbitro: Collina.

Marcatori: 59’ Fiore, 80’ Fiore.

Spettatori: 63.000

Note: espulso Tudor all'82'. Al 53' Chimenti para un rigore a Cesar.

Torino,12 maggio 2004. Finale gara di ritorno, stadio Delle Alpi di Torino. Juventus-Lazio 2-2

Juventus: Chimenti, Ferrara, Thuram, Legrottaglie, Birindelli, Zambrotta, Maresca (75’ Di Vaio), Pessotto (46’ Appiah), Nedved, Trezeguet, Del Piero (78’ Miccoli). A disposizione: Buffon, Iuliano, Boudianski, Chiumiento. Allenatore: Lippi.

Lazio: Sereni, Oddo, Stam, Mihajlovic, Favalli, Fiore, Giannichedda, Liverani (75’ Albertini), Cesar, Muzzi (61’ S. Inzaghi), Corradi. A disposizione: Peruzzi, Couto, Zauri, C.Lopez. Allenatore: Mancini.

Arbitro: Sig. Paparesta (Bari).

Marcatori: 20’ Trezeguet, 46’ Del Piero, 69’ Corradi, 83’ Fiore.

Spettatori: 39.000

error: Content is protected !!