La Maglia

L’esordio del nuovo fornitore tecnico Puma, non poteva essere dei migliori. La casacca si presenta nel suo tipico celeste tradizionale, mentre un’inedita banda orizzontale nera ne percorre il petto. La maglia rappresentata nelle grafiche del sito è l’unico esemplare “match worn” in circolazione appartenuto a Fernando Couto, infatti proviene dal lancio della casacca da parte del portoghese verso il settore ospiti e recuperata dal tifoso biancoceleste Davide Cianetti.

La maglia vittoriosa di Supercoppa Italiana, indossata da Couto finisce in curva. (maglia donata Davide Cianetti)

La Finale

Il 29 agosto 1998 la Lazio si presenta al “Delle Alpi” di Torino per affrontare la sua prima finale di Supercoppa Italiana. Due assenze importanti nelle fila della squadra di Sven Goran Eriksson: Nesta e Vieri. La partita è equilibrata, occasioni per Del Piero, Tacchinardi e Zidane da una parte, Mihajlovic e Nedved dall’altra. L’incontro si sblocca al 38′ quando su un traversone di De la Pena, Mancini tocca per Nedved che insacca portando la Lazio sull’1-0 e consentendo così ai suoi di far rientro negli spogliatoi in vantaggio. Nella ripresa il tecnico dei bianconeri Marcello Lippi, nell’intento di recuperare il risultato, inserisce la terza punta schierando Fonseca al posto di Deschamps. La partita si accende, capovolgimenti di fronte continui e occasioni che fioccano sia da una parte che dall’altra. Fonseca e Del Piero per la Juve, Stankovic e De la Pena per i biancocelesti sfiorano più volte il gol. Dal 65′ i bianconeri però restano in dieci a causa dell’espulsione di Filippo Inzaghi. La gara sembra ormai incanalata in una direzione ma a salire alla ribalta e a rimettere tutto in bilico è l’arbitro Bettin che a 4′ dal termine dell’incontro inventa un calcio di rigore per la Juventus per un presunto atterramento di Del Piero in area. E’ lo stesso numero 10 a incaricarsi della battuta e a battere Marchegiani portando la sua squadra sull’1-1. A tre minuti dal termine della gara tutto è di nuovo in dubbio ma la reazione dei biancocelesti è encomiabile: prima De la Pena tira alto sulla traversa ma poi è Sergio Conceicao che al terzo minuto di recupero, dall’altezza del dischetto di rigore, trafigge il portiere bianconero Peruzzi consentendo alla società biancoceleste di iscrivere per la prima volta nella storia il proprio nome nell’Albo d’Oro della Supercoppa di Lega.

Juventus – Lazio 1-2, 29 agosto 1998 – Supercoppa Italiana 1998. Finale – Stadio Delle Alpi di Torino.

Juventus: Peruzzi, Birindelli (60’ Di Livio),Tudor, Iuliano, Pessotto, Tacchinardi, Deschamps (46’ Fonseca), Davids (77’ Dimas), Zidane, F. Inzaghi, Del Piero. A disposizione: Rampulla, Pecchia, Blanchard, Conte. Allenatore: Lippi.

Lazio: Marchegiani, Fernando Couto (77' Gottardi), G. Lopez, Mihajlovic (84' Marcolin), Lombardi, Sergio Conceicao, Venturin, De La Pena, Nedved (55' Stankovic), Salas, R. Mancini. A disposizione: Ballotta, Baronio, Rambaudi, Protti. Allenatore: Eriksson.

Arbitro: Bettin (Padova).

Marcatori: 38’ Nedved, 86’ Del Piero (rig.), 93’ Sergio Conceicao.

Spettatori: 18.000

Note: Espulso al 68' F. Inzaghi per doppia ammonizione

error: Content is protected !!