LA MAGLIA

Ultime apparizioni della camicia a scacchi (foto fronte) ideata da Sante Ancherani nel 1904 ad inserti bianchi e celesti e rivista nel 1908 con l’inserimento del motivo a quarti. Al termine dell’annata 1911 questo tipo di casacca bellissima e leggendaria, non verrà più riproposta nella storia del primo club della Capitale. Con l’inizio del 1912 la Lazio torna alla tinta unita dal colore decisamente azzurro (foto retro).

1911, ultima stagione della storica camicia a scacchi

La stagione

La Lazio guidata da “mister” Baccani, è iscritta al terzo “Campionato Romano di III Categoria” che si svolge da febbraio a giugno del 1912 e trova come avversarie l’Alba, l’Audace Esperia, la Fortitudo, la Juventus Roma ed il Roman. E’ un torneo senza storia che i biancocelesti si aggiudicano con 18 punti finali, frutto di nove vittorie e di una sconfitta. La Lazio mette a segno 52 reti e ne incassa solo 6. In questa stagione il primo centrattacco della storia della Lazio Sante Ancherani decide di abbandonare l’attività agonistica per motivi personali, anche se rimane all’interno del club come dirigente. Visto il suo grande attaccamento alla maglia, la Lazio istituisce un trofeo in suo onore, denominato Coppa Ancherani, che vide i biancocelesti battere la Pro Roma con il punteggio di 11-0.

 

La Rosa

Portieri: Gaia (II), Gaslini, G. Levi (I), Rossi. Difensori: Branca, Gaia (III), Giaccone, Girardini, Giusti, M. Levi (II). Centrocampisti: Alessandri (I), Alessandri (II), Andreoli, Angelotti, Baldacci (I), A. Gaia (IV), Laviosa, Martinelli, Mazzoni, Riccardi, Scheidler, A. Zucchi (II), L. Zucchi (I). Attaccanti: Ancherani, Bonaga, Consiglio, Coraggio, C. Corelli I, Della Longa, G. Fioranti (I), Gaggiotti, Gaia (IV), Margaritora, Raffo, Sacchi, F. Saraceni (I), Zoppi (I). Zoppi (II). Allenatore: Baccani.

 

 

error: Content is protected !!