LA MAGLIA

Anche per questa stagione la Lazio sceglie la linea ormai tradizionale: a tinta unita con collo “a V”. Il celeste rispetto al campionato precedente si schiarisce, anche se di poco. La percezione di diminuzione del celeste sulla maglia si evince dalle foto dell’epoca, dove sembra non esserci lo stacco di colore dal celeste della casacca al bianco presente nel collo e nei polsini.

1935/36, Piola è il grande trascinatore e goleador

La stagione

5-0 al Milan, 3-0 alla Juventus: la Lazio di Piola e dei nuovi acquisti Zacconi e Monza (che non mancherà una partita nel campionato) arriva a metà classifica e si prepara a diventare grande per la stagione seguente. Piola si conferma e segna 19 gol. In squadra ci sono Baldo e Gabriotti che, con la nazionale italiana, vinceranno l’Olimpiade di Berlino 1936.

La Rosa

Portieri: Blason, Zenaro. Difensori: Ballarin, D’Ambrogi, Monza, Pizzamiglio, Roggero, Strappini, Zacconi. Centrocampisti: Baldo, B. Brenci, Biassoni, Camolese, A. Ferraris (IV), Gabriotti, Nale, Paicci, Palma, Pardini, Peticca, Turchi, Uneddu, Viani. Attaccanti: Antico, Argentieri, Bisigato, D’Odorico, Guaris, Levratto, Okely (III), Pasquali, Piola, Preti, Tedeschi, Trincia, U. Visentin. Allenatore: Alt.

error: Content is protected !!