LA MAGLIA

Torna l’elegante versione a polo, ma questa volta è a maniche corte. La casacca è caratterizzata da una tonalità cromatica di un celeste intenso. Il tessuto è aderente ed elasticizzato. I polsini sono realizzati in maglina bianca. Il numero sulla maglia è altrettanto bianco in materiale feltro.

 

1953/54, per la prima volta si gioca il derby allo Stadio Olimpico

La stagione

Di fronte al non esaltante campionato della precedente stagione si decide di dar luo­go ad un deciso rafforzamento della rosa, con gli acquisti di Vivolo (9 gol), Fontanesi (9) e Burini (6) sono i nuovi acquisti affidati all’allenatore Mario Sperone. La Lazio pero’, delude le speranze di riscatto e si piazza a metà classifica. Presidente è Costantino Tessarolo (a capo anche della Lazio Generale, la cosiddetta Polisportiva). Il derby, per la prima volta, si disputa allo Stadio Olimpico, inaugurato dalla Nazionale e pronto per l’Olimpiadi di Roma del 1960. Sarà uno scialbo 1-1.

 

La Rosa

Portieri: Alicicco, De Fazio, Kristovich, L. Sentimenti (IV). Difensori: Antonazzi, Di Veroli, Furiassi, Gardelli, Malacarne, Panizza, P. Sentimenti (V). Centrocampisti: Alzani, Bergamo, Bredesen, Carradori, Flamini, Fuin, Guenza, Lofgren, Montanari, Palestini (V), Palombini, Spurio. Attaccanti: Aizpuru (I), Antoniotti, Bettolini, Burini, Caprile, Fontanesi (I), Macci, Pistacchi, Puccinelli, Simonetti, Vivolo. Allenatore: Sperone, (poi subentrato) Allasio.

error: Content is protected !!